martedì 15 maggio 2018

Filled Under:

Recessione Crisi Economica: Conseguenze nel Lungo Periodo

Le recessioni e le crisi economiche sono generalmente descritte come periodi a breve termine di crescita economica negativa. 

Secondo la tradizionale visione del ciclo economico, la produzione sale e scende intorno alla sua tendenza al rialzo a lungo termine e, dopo una recessione, recupera la tendenza precedente alla recessione. Il nostro nuovo studio mette in dubbio questa visione tradizionale e mostra che tutti i tipi di recessione, compresi quelli derivanti da shock esterni e piccoli errori di politica macroeconomica interna, portano a perdite permanenti di produzione e benessere.

LEGGI ANCHE : Bolla Speculativa su Finanza Economia Italia
Quasi un decennio dopo la crisi finanziaria globale scoppiata nella Grande Recessione, l'economia globale sembra finalmente sull'orlo di una forte crescita . Fino a poco tempo fa, tuttavia, la crescita economica era scesa al di sotto delle previsioni di un vigoroso rimbalzo, come previsto dai sostenitori della teoria del ciclo economico tradizionale.
Alcuni ricercatori hanno spiegato la crescita lenta post-crisi guidata dalle tendenze demografiche o da altri fattori specifici degli Stati Uniti. Ma tale spiegazione ignora il fatto che la dinamica della produzione dopo la crisi ha seguito un modello simile visto in altri paesi.


In un documento del 2008 , avevamo mostrato per un campione di 190 paesi che le crisi finanziarie e politiche hanno costi economici permanenti a lungo termine in termini di produzione perduta. In media, l'entità della persistente perdita di produzione è di circa il 5% per le crisi della bilancia dei pagamenti, del 10% per le crisi bancarie e del 15% per le crisi gemellate.
Usando i dati aggiornati dal 1974 al 2012, confermiamo le nostre precedenti scoperte sul fatto che il danno irreparabile alla produzione non è limitato alle crisi finanziarie e politiche. Tutti i tipi di recessione, in media, portano a perdite di produzione permanenti. Contrariamente alla saggezza convenzionale, mostriamo anche che i paesi in genere non hanno boom di crescita prima di crisi e recessioni.
 Sfidare la visione tradizionale
Nella visione tradizionale del ciclo economico, una recessione consiste in un temporaneo calo della produzione al di sotto della sua linea di tendenza, ma un rapido rimbalzo dell'output alla sua linea di tendenza ascendente iniziale durante la fase di recupero (vedi grafico, pannello superiore). Al contrario, le nostre prove suggeriscono che una ripresa consiste solo in un ritorno della crescita al suo tasso di espansione a lungo termine, senza un rimbalzo a crescita elevata fino alla tendenza iniziale (vedi grafico, riquadro in basso). In altre parole, le recessioni possono causare cicatrici economiche permanenti.
Sviluppo economico
Anche queste cicatrici economiche derivanti da recessioni e crisi hanno drammatiche conseguenze a lungo termine. Secondo la teoria tradizionale, i paesi poveri dovrebbero raggiungere i livelli di reddito dei paesi ricchi (vedere le linee tratteggiate nel grafico in basso) perché dovrebbero avere un botto maggiore per ogni dollaro investito. Ma l'evidenza storica contraddice questa teoria. Invece, i redditi dei paesi poveri sono rimasti più indietroIl nostro nuovo modello spiega un motivo chiave per cui. I paesi poveri soffrono di recessioni e crisi più profonde e più frequenti, ogni volta che subiscono perdite permanenti di produzione e perdite di terreno (linee continue nel grafico sottostante).
Recessione Crisi Economica: Conseguenze nel Lungo Periodo

Rivisitazione dell'output gap

Che cosa significa questo nuovo modello del ciclo economico per la politica economica?
Innanzitutto, potrebbe essere necessario rivedere il concetto e la misurazione dell'output gap per aiutare i responsabili politici a ottenere una lettura accurata dell'economia.
La produzione potenziale è concepita come la tendenza a lungo termine dell'output, con il "gap di output" che riflette la deviazione dell'output effettivo dall'output potenziale o la posizione nel "ciclo". Concettualmente, se gli shock alla crescita portano a spostamenti permanenti nel tendenza dell'output, quindi non c'è differenza tra output effettivo e potenziale, e quindi nessun "ciclo" aziendale di cui parlare.
Stimare l'output potenziale attenuando il percorso dell'output reale genera falsi cicli e revisioni costanti nelle stime di output potenziali. Ad esempio, vi è stata una costante revisione al ribasso del percorso stimato di produzione potenziale per gli Stati Uniti e una chiusura dell'output gap negli ultimi anni. Ma le stime del PIL potenziale sono state riviste al PIL reale, non viceversa.
conseguenze della recessione e crisi economica
La ripresa economica dopo la crisi. Quella reale è diversa da quella stimata
Tali revisioni e chiusure di gap di output sono in parte solo il risultato di problemi di misurazione. Includendo anni di produzione inferiore dopo la crisi, il PIL potenziale (l'andamento misurato) viene ridotto meccanicamente, con un corrispondente drammatico cambiamento nella nostra visione della storia. Misuriamo ora un divario di produzione molto positivo (quando il rendimento effettivo è superiore al potenziale) per la maggior parte dei paesi avanzati sull'orlo della crisi nel 2007, anche se al momento non c'erano segni di surriscaldamento.

Prevenzione e risposta a crisi e recessioni

Il nuovo modello del ciclo economico suggerisce che dobbiamo essere più prudenti nella previsione della crescita dopo le recessioni. Dobbiamo anche evitare di utilizzare misure di output gap che sono fuorvianti e incoerenti nel tempo.
Le politiche economiche dovrebbero essere orientate ad evitare crisi e gravi recessioni e a rispondere con adeguati stimoli e reti di sicurezza. Le politiche economiche sostenibili e la regolamentazione finanziaria che contiene un'eccessiva assunzione di rischi sono le prime opzioni migliori. Se queste politiche sono insufficienti, le banche centrali dovranno includere i rischi di stabilità finanziaria nelle loro analisi e decisioni. Le riserve valutarie possono anche aiutare ad assicurare contro le perdite dovute a shock esterni.

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.