giovedì 22 marzo 2018

Filled Under:

Migliori investimenti 2018: consigli per investimenti redditizi

I fondi comuni di investimento hanno goduto di uno stellare 2017, con 61 fondi comuni di investimento e società con un aumento di almeno il 30% del prezzo delle azioni. Sostenuti dai forti rendimenti dei mercati azionari globali, l'indice rappresentativo FTSE Equity Investment Instruments ha registrato un rendimento del 18,4% nell'anno, ben superiore al rendimento dell'11,9% dell'indice FTSE 100.

Migliori investimenti 2018 i fondi comuni


La domanda di fondi comuni di investimento ha raggiunto il massimo storico. A dicembre, il prezzo delle azioni del tipico trust era scambiato con uno sconto sul valore delle attività sottostanti di appena il 2,4%, contro il 3,8% all'inizio del 2017 - inferiore rispetto a qualsiasi altro negli ultimi due decenni.

La performance nel 2018 sarà, in definitiva, determinata dai rendimenti delle attività sottostanti dei trust. Un altro anno forte dai mercati globali è probabile che ridurrà ulteriormente gli sconti, mentre qualsiasi deterioramento del sentiment degli investimenti avrebbe l'effetto opposto; ma il quadro più ampio sono i temi sottostanti ora impostati per guidare le performance del portafoglio nel prossimo anno.

Migliori investimenti 2018: consigli per investimenti redditizi

Migliori investimenti 2018: fine del periodo rialzista?


La domanda numero uno per molti investitori è se l'esteso mercato rialzista delle azioni globali si esaurirà nel prossimo anno. Il caso positivo è che il contesto economico è incoraggiante, con il Fondo Monetario Internazionale che prevede il miglior anno di crescita globale dal 2010.

A fronte di ciò, i prezzi delle azioni in molti mercati, in particolare negli Stati Uniti, si estendono su molti parametri di valutazione tradizionali. L'ampio seguito del rapporto prezzo / utili di Shiller corretto ciclicamente (CAPE), ad esempio, mette i titoli azionari statunitensi su rating che non si vedono dall'apice della bolla delle dotcom quasi 20 anni fa.

"La preoccupazione sta sicuramente costruendo", avverte James Carthew, un analista di fiducia negli investimenti di Quoted Data. "Il maggiore supporto alle valutazioni deriva dai bassi tassi di interesse, e qualsiasi aumento significativo dei tassi avrebbe un effetto negativo su molte classi di attività, sebbene con una crescita globale ancora fragile, le banche centrali saranno probabilmente caute.

"Ma il rischio politico potrebbe essere più problematico: la Germania ha bisogno di un governo, Trump potrebbe essere danneggiata dall'indagine su Mueller, la Brexit brontola, ci sono tensioni in Corea, Medio Oriente e Venezuela - la lista continua."

Migliori investimenti 2018: la prudenza


Per gli investitori prudenti che si appoggiano a una prospettiva ribassista del 2018, il suggerimento di Carthew è uno dei fondi più difensivi dal settore degli investimenti flessibili, con Personal Assets Trust (PNL) e Ruffer (RICA) le sue opzioni preferite, insieme a Seneca Global Income & Growth ( SIGT) per coloro che sono soddisfatti di una maggiore esposizione a asset class non tradizionali. Questi trust hanno un ampio mandato di diversificazione, anche in attività molto liquide come i contanti durante i periodi di stress.

In alternativa, per gli investitori più preoccupati di perdere la parte finale della corsa del toro, Carthew sceglie tre fondi con grandi allocazioni per i titoli tecnologici, che hanno guidato i rendimenti in molti mercati nell'ultimo anno. Gli piacciono Scottish Mortgage (SMT) e Allianz Technology (ATT), che hanno entrambi allocazioni significative negli Stati Uniti, così come Pacific Horizon (PHI), che offre esposizione alle industrie tecnologiche dell'Asia

Migliori investimenti 2018 : l'impatto della divergenza della politica monetaria

Il 2017 è stato l'anno in cui un decennio di interventi coordinati della banca centrale a sostegno dell'economia globale ha finalmente iniziato a svolgersi: gli Stati Uniti e il Regno Unito sembrano ora orientati verso una politica monetaria più stretta, aumentando i tassi di interesse e rilanciando i loro programmi di allentamento quantitativo, mentre la zona euro e il Giappone, in particolare, restano in modalità più flessibile.

Dato il modo in cui anni di stimolo della politica monetaria hanno allagato i mercati finanziari con il capitale, questa divergenza avrà inevitabilmente un impatto sui rendimenti degli investimenti. Molti analisti sono particolarmente preoccupati per i mercati obbligazionari, dati gli enormi flussi di capitali verso il debito pubblico e societario negli ultimi tempi, ma anche i mercati azionari sono stati sostenuti e potrebbero ora affondare senza il sostegno dei responsabili politici.

Migliori investimenti 2018: l'inflazione


"L'inflazione e la politica delle banche centrali dovrebbero rimanere saldamente negli elenchi di vigilanza degli investitori nel 2018 e oltre", dice Gordon Smith, analista di fiducia negli investimenti presso Killik & Co. Il suo suggerimento è di concentrarsi sulla storia inflazionistica in via di sviluppo che ha spinto la Federal Reserve statunitense e la Banca d'Inghilterra per tornare a una politica più severa.

"Se l'inflazione si muoverà più in alto, l'attrattiva di dividendi sostenibili e progressivi sostenuti da flussi di cassa a lungo termine e prevedibili con un esplicito legame inflazionistico si rivelerà allettante all'interno dei portafogli", sostiene Smith.

Migliori investimenti 2018: i fondi immobiliari


Egli sceglie Civitas Social Housing (CSH), un fondo specializzato che acquista beni abitativi sostenuti in cui le rendite provengono effettivamente dal governo locale o centrale e sono pertanto sostenute dal merito di credito dello stato. Si tratta di un fondo che può essere di particolare interesse per chi cerca reddito, data la protezione integrata del rendimento, sebbene possa costituire parte di una strategia di rendimento totale.

In alternativa, la scommessa difensiva di Smith è Personal Assets Trust, dove il manager Sebastian Lyon ha adottato misure per preparare l'impatto di un ambiente di politica monetaria più severo nei mercati chiave, spostando le azioni e privilegiando le obbligazioni indicizzate rispetto ad altre attività a reddito fisso.


Migliori investimenti 2018: alla ricerca di nuove opportunità


Se i mercati perdono slancio nel 2018, almeno nel complesso, ci saranno ancora aree che offrono valore. Quando la marea si spegne - una caratteristica dell'anno appena trascorso è stata la notevole mancanza di volatilità in una serie di asset asset correlate - scopriremo chi non indossava alcun costume da bagno, come Warren Buffett ha così famoso .

In tal caso, l'obiettivo per gli investitori deve essere quello di identificare i fondi di investimento che non sono entrati in acqua nuda. "Nonostante le preoccupazioni che abbiamo per gli indici del mercato azionario in generale, crediamo che ci saranno opportunità per i gestori attivi di aggiungere valore", afferma Charles Cade, capo della ricerca delle società di investimento in Numis Securities. "Idealmente, date quelle preoccupazioni, favoriamo anche i fondi con una politica di controllo dello sconto attivo o quelli in cui riteniamo che il lato negativo dello sconto sia limitato."

La ricerca del valore può assumere forme diverse. Cade sceglie Fidelity Special Values ​​(FSV) come una possibilità, con il manager Alex Wright che argomenta la sua fiducia sulla base del fatto che il portafoglio attualmente negozia su valutazioni inferiori rispetto al mercato nel suo complesso.

"Il suo approccio ha un forte sapore contrario con un'attenzione particolare agli stock non amati, dove il lato negativo è limitato e c'è un catalizzatore per il cambiamento", afferma Cade. "Wright rimane positivo sul fatto che selezionare società a basso costo con fondamentali in miglioramento, dovrebbe consentire 'una buona possibilità' di sovraperformare il mercato nei prossimi anni, e il consiglio si è impegnato a proteggere uno sconto a cifra singola attraverso i riacquisti di azioni".

Un'altra opzione, suggerisce lo Smith di Killik, potrebbe essere quella di allontanarsi dai mercati sviluppati, con le azioni dei mercati emergenti che generalmente negoziano su multipli meno allungati. "Nonostante i forti rendimenti di mercato in Asia, le misure di valutazione a lungo termine rimangono interessanti rispetto agli Stati Uniti", sostiene Smith. "Ci piace Schroder Asian Total Return (ATR): il portafoglio rimane focalizzato sulle aree di consumo, mentre la strategia di copertura riduce il rischio sistemico".

VAI AGLI APPROFONDIMENTI su: Finanza Economia Italia


Migliori investimenti 2018: i fondi comuni con opportunità alternative


I fondi di tipo chiuso offrono una struttura utile per gli investitori che cercano un'esposizione ad attività alternative - in particolare le partecipazioni illiquide che si presenterebbero scomode per un gestore di fondi aperto che si aspetta di gestire afflussi e deflussi di denaro. E data l'ansia di molti investitori sulle valutazioni delle attività convenzionali, il 2018 potrebbe essere un anno in cui le alternative si dimostrano un tema importante.

Per i puristi, ciò potrebbe significare fondi specializzati in settori di nicchia, come la scelta di Smith Civitas Social Housing. Settori tra cui private equity, debito e infrastrutture hanno tutti visto una crescente domanda nel 2017, anche se più fondi focalizzati sul Regno Unito in quest'ultimo gruppo hanno sofferto a seguito dell'impegno del Partito Laburista a porre fine alle iniziative di finanziamento privato se e quando tornerà al governo.


I migliori investimenti 2018: il trading automatico


Un'altra opzione è quella di cercare un fondo con esposizione a alternative e attività tradizionali. A Numis, Charles Cade sceglie due possibilità. "Caledonia Investments (CLDN) ha risorse di cassa consistenti che riflettono l'approccio prudente della direzione nei confronti dei mercati azionari, ma in aggiunta il fondo presenta un'esposizione sostanziale alle attività non quotate, che non si muoveranno direttamente in linea con i mercati quotati", afferma Cade. Le sue principali partecipazioni non quotate comprendono Seven Investment Management e Gala Bingo.

Per chi cerca reddito - o rendimento totale per chi reinvestisce - la scelta di Cade è Aberdeen Diversified Income & Growth (ADIG). "Questo è un fondo con una storia a scacchi, ma è passato all'Aberdeen Asset Management all'inizio del 2017 e il passaggio a un approccio multi-asset è andato liscio", dice.

"Cerca di ottenere rendimenti del Libor più il 5,5% un anno dopo le tariffe per periodi di cinque anni, con investimenti in un portafoglio realmente diversificato per classe di attivi, in contrasto con molti fondi" multi-asset "- ad esempio, il portafoglio include infrastrutture, titoli collegati alle assicurazioni, proprietà e private equity. "

I migliori investimenti 2018: Sto ancora cercando rendimento
La decisione della Banca d'Inghilterra di alzare i tassi di interesse dallo 0,25 allo 0,5% non rappresenta una rottura della diga per gli investitori alle prese con la siccità del reddito - e mentre ulteriori aumenti sono attesi nel 2018, restiamo ancora lontani dalle condizioni di politica monetaria normalizzate. In questo contesto, il rendimento sarà ancora una volta un tema cruciale per gli investimenti nel prossimo anno, afferma Carthew of Quoted Data, e i fondi chiusi sono un buon posto dove andare a cercare.

"Le società di investimento offrono una scelta molto più ampia di strategie di investimento per gli investitori in cerca di reddito rispetto ai fondi aperti", afferma Carthew. "Il 2017 ha visto il lancio di fondi in classi di attività completamente nuove come il credito biofarmaceutico, una notevole espansione di fondi con esposizione a settori specialistici del mercato immobiliare e nuovi fondi a reddito azionario come Jupiter Emerging & Frontier Income (JEFI); per vedere molti di questi fondi espandere nel 2018. "

Investitori più prudenti potrebbero preferire optare per un fondo con un consistente rendimento nel pagamento dei dividendi ma una forte enfasi sulla gestione del rischio al ribasso. A Winterflood Securities, l'analista della società di investimento Kieran Drake sceglie RIT Capital Partners (RCP).

"L'obiettivo del fondo è quello di acquisire una maggiore partecipazione nei mercati al rialzo rispetto ai mercati in ribasso, con la logica che ciò porterà sia alla sovraperformance di lungo termine che alla conservazione del capitale", sostiene Drake. "Il fondo è attualmente scambiato su un premio e quindi vi è un certo rischio di volatilità dei premi e degli sconti, anche se in passato è stato scambiato su un premio per periodi prolungati".

I migliori investimenti 2018: le azioni con i più alti dividendi


Gli elevati dividendi azionari fanno appello a molti investitori che vivono di dividendi in pensione perché i loro alti rendimenti generano un reddito generoso.

Molti dei titoli azionari con dividendo più remunerativo offrono un rendimento elevato superiore al 4% e alcuni addirittura addirittura il 10% o più. Azioni Poste italiane.

Tuttavia, non tutti gli stock di dividendi ad alto rendimento sono sicuri. Rivediamo quali sono gli alti dividendi, dove si possono trovare titoli con alti dividendi nel mercato e come identificare quali alti dividendi sono rischiosi.

Alla fine dell'articolo, daremo un'occhiata a 33 dei migliori azioni ad alto dividendo, fornendo analisi su ciascuna società. Quasi tutti questi titoli ad alto rendimento offrono un rendimento da dividendi superiore al 4%, hanno aumentato i loro dividendi per almeno cinque anni consecutivi e mantengono sani punteggi di sicurezza dei dividendi.

L'analisi di questi stock è stata aggiornata l'ultima volta il 3/6/18 e gli investitori desiderosi di passare direttamente a queste idee di alto reddito possono fare clic qui.

La forza del mercato ha ridotto il numero di azioni con dividendi sicuri con rendimenti elevati, ma ci sono ancora diverse dozzine di recensioni.

A proposito, molte delle persone interessate a titoli ad alto dividendo sono pensionati che cercano di generare entrate sicure da azioni che pagano dividendi.

Migliori investimenti 2018: Quali sono i titoli ad alto dividendo?

In genere classifico qualsiasi azione con un rendimento da dividendo superiore al 4% come "elevato dividendo".

 Perché il 4%? Bene, la tabella qui sotto mostra il rendimento dei dividendi sul mercato azionario degli Stati Uniti dal 1871.

 Si può vedere che il rendimento da dividendi del mercato azionario è rimasto ben al di sotto del 4% per la maggior parte degli ultimi 25 anni.

 Nell'era odierna dei tassi di interesse da record, il rendimento del dividendo del 4% è relativamente alto. In effetti, è circa il doppio del rendimento del dividendo del mercato oggi.

Un rendimento da dividendo del 4% è anche un limite ragionevole da utilizzare per gli investitori che stanno finanziando i loro pensionamenti principalmente con azioni a dividendo piuttosto che con la tradizionale regola del prelievo del 4%.

 Indipendentemente da ciò, perché alcuni titoli che pagano dividendi offrono rendimenti molto più alti di altri?

 Come avrai intuito, ci sono molte diverse risposte possibili.

 In alcuni casi, un rendimento elevato riflette lo stato maturo di un'azienda. Poiché l'azienda ha relativamente pochi investimenti in crescita redditizia che può perseguire, restituisce la maggior parte del flusso di cassa agli azionisti sotto forma di dividendi.

 Migliori investimenti 2018: Utilities e compagnie telefoniche


 Altri titoli ad alto dividendo hanno strutture aziendali uniche che richiedono loro di distribuire la maggior parte dei loro flussi di cassa agli investitori a fini fiscali.

 Alcuni titoli con alti dividendi sono in grado di offrire pagamenti generosi perché utilizzano la leva finanziaria per ingrandire i loro profitti.

 E poi ci sono titoli ad alto rendimento che sono finiti in tempi difficili. Condizioni economiche sfavorevoli hanno ridotto il flusso di cassa al punto in cui gli investitori non credono più che i loro dividendi siano sostenibili.

 In questi casi, l'alto rendimento è un miraggio.

 Diamo un'occhiata più da vicino a dove gli investitori assetati di rendimenti possono cacciare titoli ad alto dividendo.

Dove trovare titoli ad alto rendimento
Esistono molti tipi diversi di titoli ad alto dividendo sul mercato e ogni tipo presenta vantaggi e rischi unici.


i Migliori investimenti 2018: ecco dove trovare alti rendimenti


 Master Limited Partnerships (MLP): le MLP sono state create dal governo negli anni '80 per incoraggiare gli investimenti in alcune industrie ad alta intensità di capitale. La maggior parte delle MLP opera nel settore energetico e possiede beni costosi e di lunga durata come condotte, terminali e serbatoi di stoccaggio. Molte di queste attività aiutano a spostare diversi tipi di energia e carburante da una posizione all'altra per le compagnie petrolifere e del gas.

 Le MLP possono pagare dividendi elevati perché non pagano alcuna imposta sul reddito (si pagano invece le tasse sulla propria quota delle entrate della MLP), pagano quasi tutto il loro flusso di cassa sotto forma di distribuzioni in contanti (l'equivalente MLP dei dividendi societari), e generare guadagni abbastanza prevedibili in molti casi.

 Real Estate Investment Trusts (REIT): i REIT sono stati creati negli anni '60 come un modo efficiente sotto il profilo fiscale per aiutare gli Stati Uniti a finanziare la crescita del proprio patrimonio immobiliare. Come le MLP, i REIT sono entità pass-through che non pagano alcuna imposta federale sul reddito a condizione che paghino almeno il 90% del loro reddito imponibile come dividendi.

 Esistono oltre una dozzina di tipi diversi di REIT (ad esempio appartamenti, uffici, hotel, case di cura, depositi, ecc.) E guadagnano affittando le loro proprietà agli inquilini. I loro alti tassi di pagamento e il flusso di cassa in affitto generalmente stabile li rendono un gruppo molto popolare di azioni con dividendi più elevati.

 Business Development Companies (BDC): i BDC sono stati creati nel 1980 e sono società di investimento regolamentate. Sono fondamentalmente fondi di investimento chiusi che sono strutturati in modo simile a un REIT, nel senso che evitano di pagare le imposte societarie se distribuiscono almeno il 90% del loro reddito imponibile sotto forma di dividendi.

Esistono molti tipi diversi di BDC, ma alla fine esistono per raccogliere fondi dagli investitori e fornire prestiti alle società del mercato centrale, che sono imprese più piccole con credito generalmente non investment grade. Circa 200.000 di queste imprese esistono e le grandi banche hanno meno probabilità di prestare loro capitale di crescita, motivo per cui sono necessari i BDC.

Fondi chiusi (CEF): i fondi chiusi sono un tipo di fondo comune piuttosto complesso le cui azioni sono negoziate in borsa. Le sue attività sono gestite attivamente dai gestori di portafoglio del fondo e possono essere investite in azioni, obbligazioni e altri titoli. La maggior parte dei CEF utilizza la leva finanziaria per aumentare la quantità di reddito che generano, e i CEF spesso negoziano a premi o sconti sul loro valore patrimoniale netto, in gran parte in base al sentimento degli investitori.

Azioni a dividendo mensile: le azioni a dividendo mensile sono partecipazioni popolari nei portafogli di pensionamento a causa dei loro convenienti programmi di pagamento, che semplificano il bilancio. Ci sono centinaia di azioni con dividendo mensile, ma la maggior parte di esse sono fondi chiusi o REIT, che offrono rendimenti elevati nella maggior parte dei casi.

YieldCos: una classe relativamente nuova di titoli ad alto dividendo, YieldCos sono titoli pass-through che acquistano e gestiscono impianti di energia rinnovabile completati (es. Eolico, solare, idroelettrico), vendendo l'energia pulita che generano alle società di servizi a lungo termine, fissate -buoni accordi di acquisto di energia.

High Dividend Portfolio di Warren Buffett: la maggior parte delle azioni quotate in borsa detenute da Warren Buffett, Berkshire Hathaway, pagano dividendi, e molte offrono alti rendimenti che attirano i portafogli delle pensioni. Ciascuno degli stock di dividendi di Buffett è analizzato nel link qui sopra, a partire dalle sue posizioni con i più alti rendimenti.

Portafoglio High Dividend di Bill Gates: simile a Warren Buffett, il gestore degli investimenti di Bill Gates detiene prevalentemente azioni che pagano dividendi. Ciascuno degli stock di dividendi di Gates è analizzato nel link qui sopra, a partire dalle sue posizioni con il rendimento più alto.

Fondi negoziati in borsa (ETF): migliaia di ETF esistono oggi nel mercato azionario e alcuni di essi pagano dividendi elevati. Puoi trovare informazioni sui miei 10 ETF preferiti per il reddito da dividendi, un ottimo modo per lavorare in borsa.

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.