Le Azioni Cinesi non sono più Sicure: Dove Investire Ora

Per decenni, la Cina è stata sinonimo di rapida crescita. Le multinazionali hanno investito miliardi in catene di approvvigionamento e centri di produzione e si sono rivolti ai milioni di cinesi che sono usciti dalla povertà e sono entrati in una classe media in crescita. Gli investitori hanno ottenuto solidi rendimenti. Non più.

Le Azioni Cinesi non sono più Sicure: Dove Investire Ora

Dove investire ora che le Azioni Cinesi non sono più Sicure

Questo potente motore della crescita globale vacilla e la cooperazione economica che ha sostenuto le relazioni USA-Cina è a rischio. La crisi della Cina minaccia i profitti a breve termine di aziende come Tesla (ticker: TSLA) e Apple (AAPL), insieme a società minerarie e altre società che considerano la Cina uno dei loro maggiori clienti. Invece di sollevare l'economia globale, il malessere cinese aumenta il rischio di una recessione globale.


"Per chiunque investa in Cina sulla base dell'idea che questo sia il motore di crescita del mondo, non è così chiaro", afferma Justin Leverenz, gestore del fondo Invesco Developing Markets.


L'offerta di Pechino di creare condizioni più eque, concentrarsi sulla sicurezza dei dati e promuovere l'uguaglianza economica sui profitti ha ribaltato i modelli di business delle società educative, dei nuovi arrivati ​​della tecnologia finanziaria come Ant Group e dei colossi di Internet come Alibaba Group (BABA) e Tencent Partecipazioni (700.Hong Kong).


Aumentare la pressione sta aumentando il sostegno bipartisan degli Stati Uniti per una posizione più dura contro la Cina, oltre ai piani della Securities and Exchange Commission di rimuovere dal listino le società cinesi che non aprono completamente i loro libri contabili. Cinque società statali, tra cui PetroChina (PTR) e China Petroleum & Chemical (SNP), hanno deciso di rimuovere volontariamente le azioni il 12 agosto, facendo scendere le loro azioni.


In mezzo alle turbolenze, l'indice MSCI China è sceso del 50% dal massimo di febbraio 2021, con molti investitori che hanno ridotto le partecipazioni nei titoli Internet che dominavano l'indice. Bridgewater Associates, il più grande hedge fund del mondo e un investitore di lunga data in Cina, ha venduto circa 1 miliardo di dollari di Alibaba, Bilibili (BILI), JD.com (JD), NetEase (NTES) e DiDi Global (DIDI), secondo un recente deposito.


Con 10 utili rispetto al 2023, le azioni cinesi sono ora una delle tasche più economiche del mercato, vendendo con uno sconto del 40% sull'indice S&P 500 e uno sconto del 20% sulle azioni europee in crisi. Per alcuni, il pessimismo estremo significa che il fondo potrebbe essere vicino. Ma per altri gestori di denaro, c'è troppa incertezza per immergersi ora.


"Il possesso di attività cinesi non è qualcosa con cui ci sentiamo a nostro agio in modo aggressivo", afferma Jitania Kandhari, responsabile della ricerca macro e tematica per il team azionario dei mercati emergenti di Morgan Stanley Investment Management.


Sebbene il team di Kandhari abbia a lungo sottoponderato la propria esposizione alla Cina rispetto al benchmark dell'indice, si è ulteriormente ritirato tra i rischi geopolitici e le preoccupazioni per la crescente interferenza del governo nel settore privato.


Il rischio è aumentato dopo che la Cina ha lanciato missili balistici su Taiwan e ha intensificato le esercitazioni militari intorno all'isola in risposta alle visite delle delegazioni del Congresso degli Stati Uniti questo mese. La Cina vede Taiwan come parte della Cina e ha promesso di impossessarsene, se necessario con la forza.


Gli analisti vedono pochi segnali di un'imminente invasione militare, in parte perché la Cina fa affidamento su Taiwan per i chip semiconduttori e ha bisogno dell'accesso alla tecnologia critica dall'Occidente. Ma il rischio di un incidente che provochi un conflitto incombe. Nel frattempo, le esercitazioni militari cinesi hanno mostrato la sua capacità di attuare un blocco di Taiwan che potrebbe interrompere un hub di semiconduttori fondamentale per l'economia globale.


Il conflitto sta portando a una rivalutazione dei presupposti di base detenuti da investitori e società multinazionali, afferma Jude Blanchette, la Freeman Chair in China Studies presso il Center for Strategic and International Studies. “Se questa era una competizione, ora è davvero una rivalità. Gli echi della Guerra Fredda stanno diventando più forti e le discussioni a Pechino e Washington, DC, ora riguardano la gestione delle crisi", aggiunge.


Anche l'economia cinese in crisi sta spaventando gli investitori. Il potere del Partito Comunista si basa sul miglioramento delle condizioni di vita, sull'aumento del reddito e sulla diffusione della ricchezza. Ora, una generazione cresciuta con una forte crescita, l'aumento dei prezzi degli immobili e ampie opportunità deve affrontare un rallentamento sconosciuto. L'occupazione delle famiglie e le aspettative di reddito sono scese ai minimi degli ultimi dieci anni, secondo il sondaggio sui depositanti urbani della People's Bank of China.


Le rigide politiche Covid della Cina nei primi giorni dell'epidemia nel 2020 sono state motivo di orgoglio, poiché l'economia cinese è stata una delle poche a crescere quell'anno. Ma il suo approccio zero-Covid si è trasformato in una fonte di disagio economico e crescente frustrazione quest'anno poiché la variante Omicron più trasmissibile ha costretto città come Shanghai a un blocco di due mesi.


Sebbene la Cina abbia ottenuto una crescita dello 0,4% nel secondo trimestre, lungi dall'obiettivo annuale del 5,5% fissato all'inizio di quest'anno, i responsabili politici non hanno ammorbidito in modo significativo la loro posizione, in parte perché il loro sistema sanitario non è attrezzato per affrontare un importante focolaio, il loro vaccino non è stato efficace come altre versioni e i cinesi più anziani sono stati lenti a vaccinarsi. La minaccia di rimanere bloccati a causa di un'epidemia di Covid, come hanno fatto 80.000 turisti sull'isola di Hainan questo mese, o rinchiusi in un centro commerciale per giorni, ha ridotto l'attività economica.


Secondo Rhodium Group, la repressione della Cina sui settori tecnologici ha creato la propria tensione, con aziende come Alibaba, Tencent e JD.com che licenziano fino al 15% dei loro lavoratori. Circa uno su cinque tra i 16 ei 24 anni era disoccupato a luglio, con una disoccupazione vicina al 20%.


“Il mercato del lavoro è brutale. La scena delle start-up non è così ottimista come due o tre anni fa, poiché i finanziamenti si sono bloccati. Le persone accettano lavori da concerto e riducono le uscite", afferma Zak Dychtwald, CEO di Young China Group, una società di ricerca e consulenza. Dychtwald afferma che la situazione è la peggiore da quando ha iniziato a rintracciare circa 700 milioni di persone di età inferiore ai 40 anni in Cina una dozzina di anni fa. Ciò si riflette in una ridotta propensione a prendere in prestito denaro, anche se la Cina rende più facile farlo.


La continua crisi del mercato immobiliare pesa anche sull'economia. I responsabili politici hanno pianificato un crollo reprimendo i prestiti in eccesso da parte degli sviluppatori immobiliari per ridurre la speculazione che aveva messo gli immobili fuori dalla portata di molti nella classe media.


La repressione si è trasformata in un fallimento. I prezzi degli immobili sono scesi per 11 mesi consecutivi, danneggiando una delle maggiori riserve di ricchezza delle famiglie e un settore che sostiene circa il 30% del prodotto interno lordo. Gli sviluppatori sono inadempienti mentre altri sospendono la costruzione mentre i finanziamenti si esauriscono, innescando il boicottaggio dei mutui da parte dei proprietari di case che hanno prepagato le proprietà incompiute.



In passato, la Cina ha risposto al dolore economico con un massiccio stimolo. Ma la sua generosità in seguito alla crisi finanziaria globale l'ha lasciata con una sbornia del debito. Sebbene abbia adottato misure per stabilizzare l'economia, inclusa la mossa della scorsa settimana per tagliare i tassi di interesse, pochi si aspettano uno stimolo importante.


Ciò alimenta le preoccupazioni sull'attuale crisi. "Più a lungo la Cina è alle prese con un'attività economica anemica, maggiore è il rischio di uno shock destabilizzante", afferma Rory Green, capo di China and Asia Research presso TS Lombard.


La posta in gioco è particolarmente alta per il 20° Congresso del Partito di questo autunno, la transizione alla leadership del Partito Comunista in cinque anni, che gli analisti descrivono come il conclave più consequenziale degli ultimi 40 anni.


Il presidente Xi Jinping, che ha annullato i limiti di mandato nel 2018, è ancora ampiamente previsto che si assicuri un terzo mandato che infrange le norme. Robert Daly, direttore del Kissinger Institute del Wilson Center su Cina e Stati Uniti, si aspetta che Xi consolidi il potere e raddoppierà l'insularità piuttosto che orientarsi verso l'apertura dell'economia.


Per alcuni investitori, la svolta autoritaria della Cina, inclusa la repressione del dissenso a Hong Kong e le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, rende le azioni cinesi off-limits. Ma per altri investitori, l'accesso alla Cina è ancora interessante, anche se in modo più mirato, poiché il governo rafforza le sue capacità tecnologiche e cerca di diventare più autosufficiente.


Le azioni cinesi ora appaiono interessanti rispetto agli Stati Uniti o all'Europa. La Cina sta stimolando la sua economia, mentre gran parte del resto del mondo sta alzando i tassi di interesse e sta cercando di domare l'inflazione. Qualsiasi passo di Pechino per allentare le sue restrizioni Covid dopo il Congresso del Partito solleverebbe anche il mercato.


Ma le azioni da possedere per la prossima fase dell'evoluzione della Cina sono diverse da quelle dell'ultima. Robert Horrocks, Chief Investment Officer di Matthews Asia, prevede l'enfasi su ciò che Pechino chiama prosperità comune dopo il Congresso del Partito, poiché il governo aumenta l'accesso della classe media all'istruzione, alla proprietà e ai servizi finanziari.


"Riteniamo che il confine tra società private e pubbliche sia sempre più labile e abbiamo adeguato di conseguenza la nostra analisi del rischio e della valutazione", afferma Howie Schwab, co-gestore del fondo Driehaus Emerging Markets Growth (DREGX), che ha allocato il 22% in Cina, rispetto a circa il 30% dello scorso anno. Schwab sta anche cercando di evitare le aziende a maggior rischio di sanzioni o di rischio geopolitico, che include la tecnologia e alcuni nomi biotecnologici.


Altri, come James Donald, un co-gestore del Lazard Emerging Markets Equity Portfolio (LZOEX), orientato al valore, stanno aggirando colossi di Internet come Alibaba e Tencent. Ad agosto, entrambe le società hanno registrato un calo dei ricavi del primo trimestre su base annua da quando sono quotate in borsa. “Tutti dicono che sono un affare, ma la redditività di queste aziende è scesa dal 35% al ​​10%. È il motivo per cui non stiamo acquistando”, dice.


Anche Rajiv Jain, gestore del fondo GQG Partners Emerging Markets Equity (GQGPX), sta ripensando alle società con posizioni di leadership dominanti perché le mette nel mirino della spinta antimonopolistica di Pechino. Essere un forte giocatore di secondo o terzo livello potrebbe essere un'opzione migliore.


“In definitiva, non è una parità di condizioni. Abbiamo un nuovo amore per le imprese statali", afferma Jain, che gravita verso le aziende la cui crescita è più lenta ma affidabile e hanno un prezzo di conseguenza. Ciò include China Merchants Bank (60036.China) e China Construction Bank (601939.China).


Horrocks di Matthews si sta concentrando sui campioni nazionali che la Cina sta cercando di costruire nei settori sanitario, finanziario e orientato ai consumatori. Una partecipazione nel fondo Matthews Asian Growth & Income (MACSX), di cui è il lead manager, è AIA Group (1299.Hong Kong), un assicuratore vita leader in Asia con una forza di distribuzione di alto calibro.


Un'altra area di interesse per Horrocks: le aziende in aree che richiedono elevati livelli di ricerca e sviluppo, come i prodotti biomedici e farmaceutici di fascia alta. L'intervento del governo, come il controllo dei prezzi, potrebbe essere controproducente in quelle aree, poiché potrebbe limitare l'innovazione.


Altri stanno gravitando su società di semiconduttori, hardware e industriali che trarranno vantaggio dal fatto che la Cina cerca di ridurre la sua dipendenza da società straniere e investe per mantenere una posizione di leadership nelle tecnologie pulite. Schwab di Driehaus ha acquistato più aziende come Suzhou Maxwell Technologies (300751.China), che produce apparecchiature per l'industria solare.


Philip Wool, che gestisce il Rayliant Quantamental China Equity exchange-traded fund (RAYC), ha cercato modi più economici per beneficiare dell'attenzione sulle energie rinnovabili, tra cui YongXing Special Materials Technology (002756.China), un produttore di acciaio che ha anche un attività in rapida crescita del carbonato di litio, utilizzata nelle batterie dei veicoli elettrici.


Molte delle aziende che trarranno vantaggio dalla prossima fase di crescita della Cina sono orientate al mercato interno, afferma Horrocks di Matthews. E i settori che entusiasmano gli investitori ora rappresentano circa un quarto dell'indice MSCI China, secondo Kandhari di Morgan Stanley.


Una cosa è chiara. "Gli investitori devono procedere con più attenzione rispetto al passato", afferma Leverenz, il gestore del fondo Invesco.


Azioni Volkswagen conviene investire?Cos'é il Forex
Azioni da comprare oggi
Investire soldi in ETF conviene? Azioni Ferrari conviene comprare?
The Millionaire in Pjs funziona?Come Investire 
Azioni Poste Italiane conviene comprare?
Migliori azioni del 2018
Conviene investire 

 

Nessun commento:

Ti potrebbero interessare anche: