Deutsche Bank la Verità Che Non Vi Vogliono Dire

Deutsche Bank AG  è una banca di investimento multinazionale tedesca e una società di servizi finanziari con sede a Francoforte, in Germania .


La banca è operativa in 58 paesi con una grande presenza in Europa, nelle Americhe e in Asia.  Ad aprile 2018, Deutsche Bank è la 15a banca più grande del mondo per totale attivo.  Essendo il più grande istituto bancario tedesco al mondo, è un componente dell'indice di borsa DAX .

La società è una banca universale che poggia su tre pilastri: la Private & Commercial Bank, la Corporate & Investment Bank (CIB) e Asset Management (DWS). Le sue operazioni di investment banking spesso determinano un sostanziale flusso di operazioni e mantengono diversi dipartimenti " sell side " e " buy side ".

Storia di Deutsche Bank


Deutsche Bank è stata fondata a Berlino nel 1870 come banca specializzata per il finanziamento del commercio estero e la promozione delle esportazioni tedesche.  Successivamente ha svolto un ruolo importante nello sviluppo dell'industria tedesca, poiché il suo modello di business si è concentrato sulla fornitura di finanziamenti ai clienti industriali.  Lo statuto della banca fu adottato il 22 gennaio 1870 e il 10 marzo 1870 il governo prussiano le concesse una licenza bancaria. Lo statuto poneva grande enfasi sugli affari esteri:
L'obiettivo dell'azienda è quello di effettuare operazioni bancarie di ogni tipo, in particolare per promuovere e facilitare le relazioni commerciali tra Germania, altri paesi europei e mercati esteri.

Tre dei fondatori erano Georg Siemens , il cui cugino del padre aveva fondato Siemens e Halske , Adelbert Delbrück e Ludwig Bamberger .  Prima della fondazione di Deutsche Bank, gli importatori e gli esportatori tedeschi dipendevano dalle istituzioni bancarie britanniche e francesi sui mercati mondiali: un grave svantaggio in quanto le bollette tedesche erano quasi sconosciute nel commercio internazionale, generalmente non gradite e soggette a un tasso più elevato di sconto rispetto alle bollette inglesi o francesi.

Deutsche Bank la Verità Che Non Vi Vogliono Dire
Sede di DB in Germania

Deutsche Bank la Vera Storia che non ci raccontano


Membri fondatori



  • Hermann Zwicker (Bankhaus Gebr. Schickler, Berlino)
  • Anton Adelssen (Bankhaus Adelssen & Co., Berlino)
  • Adelbert Delbrück (Bankhaus Delbrück, Leo & Co.)
  • Heinrich von Hardt (Hardt & Co., Berlino, New York)
  • Ludwig Bamberger (politico, ex presidente di Bischoffsheim, Goldschmidt & Co)
  • Victor Freiherr von Magnus (Bankhaus F. Mart Magnus)
  • Adolph vom Rath  [ de ] (Bankhaus Deichmann & Co., Colonia)
  • Gustav Kutter (Bankhaus Gebrüder Sulzbach, Francoforte)
  • Gustav Müller (Württembergische Vereinsbank, Stoccarda)


Primi registi
Wilhelm Platenius , Georg Siemens e Hermann Wallich
Le prime filiali domestiche della banca, inaugurate nel 1871 e nel 1872, furono aperte a Brema  e Amburgo .  La sua prima incursione all'estero arrivò poco dopo, a Shanghai (1872)  e Londra (1873) [14], seguita a volte dal Sud America (1874–1886).  L'apertura della filiale a Londra, dopo un fallimento e un altro tentativo parzialmente riuscito, fu una necessità primaria per la creazione di credito per il commercio tedesco in quello che allora era il centro monetario mondiale.

I principali progetti nei primi anni della banca includevano la Northern Pacific Railroad negli Stati Uniti  e la Baghdad Railway  (1888). In Germania, la banca ha contribuito al finanziamento delle offerte obbligazionarie della società siderurgica Krupp (1879) e ha introdotto la società chimica Bayer nel mercato azionario di Berlino.

La seconda metà del 1890 vide l'inizio di un nuovo periodo di espansione presso Deutsche Bank. La banca ha stretto alleanze con grandi banche regionali, dando accesso alle principali regioni industriali tedesche. Le joint venture erano sintomatiche della concentrazione allora in corso nel settore bancario tedesco. Per Deutsche Bank, le filiali nazionali erano ancora una rarità; la filiale di Francoforte  risale al 1886 e la filiale di Monaco dal 1892, mentre altre filiali furono stabilite a Dresda e Lipsia  nel 1901.

Inoltre, la banca ha percepito rapidamente il valore delle istituzioni specializzate per la promozione di attività estere. Una leggera pressione da parte del ministero degli Esteri ebbe un ruolo nella creazione della Deutsche Ueberseeische Bank nel 1886 e la partecipazione presa nella nuova banca Deutsch-Asiatische  tre anni dopo, ma il successo di quelle società dimostrò che il loro l'esistenza aveva un buon senso commerciale.

1919-1933


L'immediato dopoguerra fu un periodo di liquidazioni. Avendo già perso gran parte delle sue attività estere, Deutsche Bank era obbligata a vendere altre partecipazioni. Una grande quantità di energia è andata a sostenere ciò che era stato raggiunto. Ma c'erano anche nuovi affari, alcuni dei quali avrebbero avuto un impatto per molto tempo a venire. La banca ha svolto un ruolo significativo nella costituzione della società di produzione cinematografica, UFA, e nella fusione di Daimler e Benz.

La banca si fuse con altre banche locali nel 1929 per creare Deutsche Bank e DiscontoGesellschaft, a quel punto la più grande fusione di sempre nella storia bancaria tedesca. L'aumento dei costi è stato uno dei motivi della fusione. Un'altra era la tendenza alla concentrazione in tutto il settore negli anni '20. La fusione è arrivata al momento giusto per aiutare a contrastare la crisi economica e bancaria del mondo emergente. Nel 1937, la ragione sociale cambiò in Deutsche Bank.

La crisi è stata, in termini di impatto politico, l'evento economico più disastroso del secolo. La carenza di liquidità che ha paralizzato le banche è stata alimentata da una combinazione di debito estero a breve termine e mutuatari non più in grado di pagare i propri debiti, mentre la mancanza di flessibilità dello stato ha aggravato la situazione. Per le banche tedesche, la crisi del settore è stata uno spartiacque. Un ritorno a circostanze che in qualche modo avrebbero potuto essere considerate come reminiscenze dell '"età d'oro" prima che la prima guerra mondiale fosse escluso per molti anni.

1933–1945


Dopo che Adolf Hitler salì al potere, istituendo il Terzo Reich , Deutsche Bank licenziò i suoi tre membri del consiglio ebraici nel 1933. Negli anni successivi, Deutsche Bank prese parte all'arianizzazione delle imprese di proprietà ebraica; secondo i suoi storici, la banca fu coinvolta in 363 tali confische entro novembre 1938.  Durante la guerra, Deutsche Bank incorporò altre banche cadute in mano tedesca durante l'occupazione dell'Europa orientale. Deutsche Bank fornì servizi bancari alla Gestapo e prestò i fondi utilizzati per costruire il campo di Auschwitz e le vicine strutture IG Farben .

Durante la seconda guerra mondiale, Deutsche Bank divenne responsabile della gestione della Bohemian Union Bank a Praga , con filiali nel Protettorato e in Slovacchia , il Bankverein in Jugoslavia (che ora è stato diviso in due società finanziarie, una in Serbia e una in Croazia ) , la Albert de Barry Bank di Amsterdam , la National Bank of Greece di Atene, il Creditanstalt -Bankverein in Austria e in Ungheria, la Deutsch-Bulgarische Kreditbank in Bulgaria e la Banca Comercială Română (la Banca commerciale rumena) a Bucarest . Ha anche mantenuto un ramo inIstanbul , Turchia.

Nel 1999, Deutsche Bank ha confermato ufficialmente di essere stata coinvolta ad Auschwitz.  Nel dicembre 1999 Deutsche, insieme ad altre importanti società tedesche, ha contribuito a un fondo di compensazione di 5,2 miliardi di dollari USA a seguito di azioni legali intentate da sopravvissuti all'olocausto.  La storia di Deutsche Bank durante la seconda guerra mondiale è stata documentata da storici indipendenti commissionati dalla Banca.

Dopo la seconda guerra mondiale.


In seguito alla sconfitta della Germania nella seconda guerra mondiale , le autorità alleate, nel 1948, ordinarono la separazione di Deutsche Bank in dieci banche regionali. Queste 10 banche regionali furono successivamente consolidate in tre grandi banche nel 1952: Norddeutsche Bank AG; Süddeutsche Bank AG; e Rheinisch-Westfälische Bank AG. Nel 1957, queste tre banche si unirono per formare Deutsche Bank AG con sede a Francoforte.

Nel 1959, la banca entrò nel settore bancario al dettaglio introducendo piccoli prestiti personali. Negli anni '70, la banca avanzò con l'espansione internazionale, aprendo nuovi uffici in nuove sedi, come Milano (1977), Mosca, Londra, Parigi e Tokyo. Negli anni '80, ciò continuò quando la banca pagò 603 milioni di dollari nel 1986 per acquisire la Banca d'America e d'Italia .

Nel 1989, i primi passi verso la creazione di una significativa presenza di investimenti bancari furono fatti con l'acquisizione di Morgan, Grenfell & Co. , una banca d'investimento con sede nel Regno Unito. Verso la metà degli anni '90, era iniziata la costituzione di un'operazione sui mercati dei capitali con l'arrivo di una serie di dati di alto profilo da parte dei principali concorrenti. Dieci anni dopo l'acquisizione di Morgan Grenfell, fu aggiunta la società americana Bankers Trust . Bankers Trust ha subito gravi perdite nell'estate del 1998 a causa della grande posizione della banca nei titoli di stato russi , ma ha evitato il collasso finanziario acquisita da Deutsche Bank per $ 10 miliardi nel novembre 1998 .Ciò ha reso Deutsche Bank la quarta più grande società di gestione del denaro al mondo dopo UBS , Fidelity Investments e il fondo assicurativo vita dell'ufficio postale giapponese. All'epoca, Deutsche Bank possedeva una partecipazione del 12% in DaimlerChrysler, ma le leggi bancarie statunitensi vietano alle banche di possedere società industriali, quindi Deutsche Bank ha ricevuto un'eccezione a questo divieto attraverso la legislazione del 1978 dal Congresso.

Deutsche ha continuato a rafforzare la sua presenza in Italia con l'acquisizione nel 1993 della Banca Popolare di Lecco dalla Banca Popolare di Novara per circa $ 476 milioni.  Nel 1999 ha acquisito una partecipazione di minoranza nella Cassa di Risparmio di Asti .

L'edificio della Deutsche Bank a Lower Manhattan , precedentemente Bankers Trust Plaza, fu gravemente danneggiato dal crollo della Torre Sud del World Trade Center nell'11 settembre 2001, attacchi terroristici.  I lavori di demolizione sull'edificio di 39 piani sono proseguiti per quasi un decennio e sono stati completati all'inizio del 2011.

Quotata in borsa dal 2001


Nell'ottobre 2001, Deutsche Bank è stata quotata alla Borsa di New York . Questo è stato il primo elenco del NYSE dopo l'interruzione dovuta agli attacchi dell'11 settembre . L'anno seguente, Josef Ackermann è diventato CEO di Deutsche Bank e ha ricoperto la carica di CEO fino al 2012, quando è stato coinvolto nella Bank of Cyprus .  Quindi, a partire dal 2002, Deutsche Bank ha rafforzato la sua presenza negli Stati Uniti quando ha acquistato Scudder Investments. Nel frattempo, in Europa, Deutsche Bank ha aumentato le sue attività di private banking acquisendo Rued Blass & Cie (2002) e la banca di investimenti russa United Financial Group (2005) fondata dal banchiere degli Stati Uniti Charles Ryan e dal funzionario russo Boris Fyodorov che ha seguitoL' espansione aggressiva di Anshu Jain per ottenere relazioni forti con i partner statali in Russia.  Jain ha convinto Ryan a rimanere con Deutsche Bank nei suoi nuovi uffici russi e successivamente, nell'aprile 2007, ha inviato il presidente e il presidente del consiglio di amministrazione di Andrey Kostin , figlio della VTB Bank, all'ufficio di Mosca della Deutsche Bank.  Successivamente, nel 2008, per costituire VTB Capital , numerosi banchieri dell'ufficio di Mosca della Deutsche Bank furono assunti da VTB Capital.  In Germania, ulteriori acquisizioni di Norisbank , Berliner Bank e Deutsche Postbankha rafforzato l'offerta al dettaglio di Deutsche Bank nel suo mercato interno. Questa serie di acquisizioni è stata strettamente allineata con la strategia della banca di acquisizioni imbullonate rispetto alle cosiddette fusioni "trasformazionali". Questi elementi facevano parte di una strategia di crescita globale che mirava anche a un rendimento sostenibile del 25% sul capitale proprio , qualcosa che la banca ha raggiunto nel 2005.

La sede della società, l' edificio delle torri gemelle della Deutsche Bank , è stata ampiamente rinnovata a partire dal 2007. Il completamento del rinnovo ha richiesto circa tre anni. L'edificio ristrutturato è stato certificato LEED Platinum e DGNB Gold.

La banca ha sviluppato, posseduto e gestito il Cosmopolitan di Las Vegas , dopo che lo sviluppatore originale del progetto ha fallito i suoi prestiti. Deutsche Bank ha aperto il casinò nel 2010 e lo ha gestito in perdita fino alla sua vendita nel maggio 2014. L'esposizione della banca al momento della vendita era di oltre $ 4 miliardi, tuttavia ha venduto la proprietà al Gruppo Blackstone per $ 1,73 miliardi.

La crisi finanziaria di Deutsche Bank


Email interna del 2005 che descrive la visione della bolla dei trader di Deutsche CDO
Deutsche Bank è stato uno dei principali motori del mercato delle obbligazioni di debito garantito (CDO) durante la bolla del credito immobiliare dal 2004 al 2008, creando un valore di circa $ 32 miliardi. Il rapporto del Comitato permanente per le indagini del Senato degli Stati Uniti del 2011 su Wall Street e la crisi finanziaria ha analizzato Deutsche Bank come un caso di studio del coinvolgimento delle banche di investimento nella bolla dei mutui, nel mercato dei CDO, nella stretta creditizia e nella recessione. Ha concluso che, anche quando il mercato stava crollando nel 2007, e il suo principale trader globale di CDO stava deridendo il mercato dei CDO e scommettendo contro alcune delle obbligazioni ipotecarie nei suoi CDO, la Deutsche Bank ha continuato a produrre prodotti CDO cattivi per gli investitori. 

Il rapporto si concentrava su un CDO, Gemstone VII, composto in gran parte da mutui da Long Beach, Fremont e New Century, tutti noti prestatori di subprime. Deutsche Bank ha inserito asset rischiosi nel CDO, come ACE 2006-HE1 M10, che i suoi stessi operatori ritenevano essere un cattivo prestito. Ha anche inserito alcune obbligazioni ipotecarie che il suo dipartimento ipotecario aveva creato ma che non poteva vendere, dalla serie DBALT 2006. Il CDO è stato quindi commercializzato in modo aggressivo come un buon prodotto, con la maggior parte di esso descritto come con rating di livello A. Nel 2009 l'intero CDO era quasi senza valore e gli investitori (compresa la stessa Deutsche Bank) avevano perso la maggior parte dei loro soldi.
Greg Lippmann, capo del trading globale di CDO, stava scommettendo contro il mercato dei CDO, con l'approvazione del management, anche se Deutsche continuava a produrre prodotti. Era un personaggio di spicco nel libro di Michael Lewis The Big Short , che descriveva in dettaglio i suoi sforzi per trovare "corti" per acquistare Credit Default Swap per la costruzione di CDO sintetici . È stato uno dei primi trader a prevedere la bolla nel mercato dei CDO e l'enorme potenziale offerto da CDS in questo. Come rappresentato in The Big Short, Lipmann nel mezzo della frenesia di CDO e MBS stava orchestrando presentazioni agli investitori, dimostrando la sua visione ribassista del mercato, offrendo loro l'idea di iniziare ad acquistare CDS, in particolare ad AIG, al fine di trarre profitto dal prossimo crollo. Per quanto riguarda l'accordo Gemstone VII, proprio mentre Deutsche lo stava creando e vendendo agli investitori, Lippman ha inviato ai colleghi un'e-mail che "soffiava", e ne ha chiamato parti "schifezze" e "maiali" e ha consigliato ad alcuni dei suoi clienti di scommettere contro titoli ipotecari di cui era composto. Lippman definì il mercato dei CDO uno "schema ponzi", ma cercò anche di nascondere alcune delle sue opinioni a certe altre parti perché la banca stava cercando di vendere i prodotti che chiamava "merda". Il gruppo di Lippman ha fatto soldi con queste scommesse, anche se nel complesso Deutsche ha perso denaro sul mercato dei CDO.

Deutsche è stata anche coinvolta con Magnetar Capital nella creazione del suo primo CDO Orion. Deutsche aveva il suo gruppo di CDO cattivi chiamato START. Ha funzionato con Elliot Advisers su uno di essi; Elliot ha scommesso contro il CDO anche se Deutsche ha venduto parti del CDO agli investitori come buoni investimenti. Deutsche ha anche lavorato con John Paulson, della controversia sui CDO di Goldman Sachs Abacus, per creare alcuni CDO START. Deutsche ha perso denaro su START, come su Gemstone.

Il 3 gennaio 2014 è stato riferito che Deutsche Bank avrebbe risolto una causa intentata da azionisti statunitensi, che avevano accusato la banca di raggruppare e vendere crediti immobiliari in sofferenza prima della recessione del 2008. Questo accordo è arrivato successivamente e in aggiunta all'accordo di Deutsche da 1,93 miliardi di dollari con la US Housing Finance Agency su contenziosi analoghi relativi alla vendita di titoli garantiti da ipoteca a Fannie Mae e Freddie Mac .

Leveraged super-senior trade


Gli ex dipendenti, tra cui Eric Ben-Artzi e Matthew Simpson hanno sostenuto che durante la crisi Deutsche non è riuscito a riconoscere fino a $ 12 miliardi di perdite di carta sul loro $ 130 miliardi portafoglio di leveraged super senior commerci, anche se la banca rifiuta rivendicazioni.  Un documento della società del maggio 2009 descriveva le operazioni come "il rischio più grande nel portafoglio di negoziazione",  e gli informatori sostengono che se la banca avesse adeguatamente contabilizzato le sue posizioni, il suo capitale sarebbe caduto nella misura in cui avrebbe potuto ho avuto bisogno di un salvataggio del governo. Uno di loro afferma che "Se Lehman Brothers non dovesse contrassegnare i suoi libri per sei mesi, potrebbe essere ancora in attività, e se Deutsche avesse segnato i suoi libri, avrebbe potuto trovarsi nella stessa posizione di Lehman". 

Deutsche era diventato il principale operatore in questo mercato, che era una forma di derivato del credito progettato per comportarsi come la tranche più senior di un CDO.  Deutsche ha acquistato un'assicurazione contro il default da parte di società blue chip da investitori, principalmente fondi pensione canadesi, che hanno ricevuto un flusso di premi assicurativi come reddito in cambio della pubblicazione di una piccola quantità di garanzie.  La banca ha quindi venduto protezione agli investitori statunitensi tramite l' indice di credito CDX , lo spread tra i due era minimo ma valeva $ 270 milioni nei 7 anni di negoziazione. È stato ritenuto molto improbabile che molte blue chip avrebbero avuto problemi allo stesso tempo, quindi Deutsche ha richiesto garanzie di appena il 10% del valore del contratto.

Il rischio che Deutsche subisse ingenti perdite se la garanzia fosse stata spazzata via in una crisi era chiamato opzione gap.  Ben-Artzi afferma che dopo aver modellato i risultati "economicamente irrealizzabili", Deutsche ha spiegato prima l'opzione gap con un semplice "taglio" del 15% sulle negoziazioni (descritto come inadeguato da un altro dipendente nel 2006) e poi in 2008 con una riserva di $ 1-2 miliardi per il banco di correlazione del credito progettato per coprire tutti i rischi, non solo l'opzione del divario.  Nell'ottobre 2008 hanno smesso di modellare l'opzione gap e hanno appena acquistato opzioni put S&P per proteggersi da ulteriori perturbazioni del mercato, ma uno degli informatori lo ha descritto come una copertura inappropriata. [42]Un modello del precedente lavoro di Ben-Artzi presso Goldman Sachs ha suggerito che l'opzione gap era pari a circa l'8% del valore degli scambi, per un valore di $ 10,4 miliardi. Simpson afferma che i trader non stavano semplicemente sottostimando l'opzione gap, ma attivamente contrassegnavano erroneamente il valore delle loro operazioni.

Crisi finanziaria europea

Deutsche Bank ha un'esposizione trascurabile alla Grecia . La Spagna e l'Italia rappresentano tuttavia un decimo delle sue attività bancarie private e societarie europee. Secondo le statistiche della banca, i rischi di credito in questi paesi sono di circa € 18 miliardi (Italia) e € 12 miliardi (Spagna).

Per l'esercizio finanziario 2008, Deutsche Bank ha registrato la sua prima perdita annuale in cinque decenni,  nonostante abbia ricevuto miliardi di dollari dai suoi accordi assicurativi con AIG , inclusi 11,8 miliardi di dollari da fondi forniti dai contribuenti statunitensi per salvare AIG.

Sulla base di una stima preliminare dell'Autorità bancaria europea (EBA) nell'ottobre 2011, Deutsche Bank AG aveva bisogno di raccogliere capitali per circa 1,2 miliardi di euro (1,7 miliardi di dollari USA) come parte di un richiesto livello di base del livello 1 del 9% dopo l'inizio della svalutazione del debito sovrano a metà 2012.

Deve portare il suo coefficiente patrimoniale di capitale primario di classe 1 fino al 12,5% nel 2018 per essere leggermente superiore al 12,25% richiesto dai regolatori. A settembre 2017 si attesta all'11,9%.

Dal 2012


Nel gennaio 2014, Deutsche Bank ha registrato una perdita ante imposte di 1,2 miliardi di dollari (1,6 miliardi di dollari) per il quarto trimestre del 2013. Ciò è avvenuto dopo che gli analisti avevano previsto un utile di circa 600 milioni di euro, secondo le stime di FactSet. I ricavi sono scesi del 16% rispetto all'anno precedente.

Nel 2015 il Capital Ratio Tier-1 (CET1) di Deutsche Bank è stato segnalato solo nel 2015 con l'11,4%, inferiore al CET1 mediano del 12% delle 24 maggiori banche quotate in borsa in Europa, quindi non ci sarebbero dividendi per il 2015 e il 2016. Inoltre, dovevano essere tagliati 15.000 posti di lavoro.

Nel giugno 2015, l'allora co-CEO, Jürgen Fitschen e Anshu Jain, hanno entrambi offerto le loro dimissioni al consiglio di vigilanza della banca, che sono state accettate. Le dimissioni di Jain sono entrate in vigore a giugno 2015, ma ha fornito consulenza alla banca fino a gennaio 2016. Fitschen è proseguito come CEO congiunto fino a maggio 2016. È stata annunciata la nomina di John Cryan a CEO congiunto, in vigore a luglio 2016; divenne amministratore delegato unico alla fine del mandato di Fitschen.

Nel gennaio 2016, Deutsche Bank ha preannunciato una perdita 2015 al lordo delle imposte sul reddito di circa 6,1 miliardi di euro e una perdita netta di circa 6,7 ​​miliardi di euro.  A seguito di questo annuncio, un analista bancario di Citi ha dichiarato: "Riteniamo che un aumento di capitale ora sembri inevitabile e vedremo un deficit azionario fino a € 7 miliardi, sulla base del fatto che Deutsche potrebbe essere costretto a prenotare altri € 3 miliardi per 4 miliardi di euro di spese legali nel 2016. "

Da maggio 2017, il suo principale azionista è il conglomerato cinese HNA Group , che detiene il 10% delle sue azioni. [55]

Nel novembre 2018, la banca ha fatto irrompere gli uffici di Francoforte dalla polizia in relazione alle indagini in corso sui giornali di Panama e sul riciclaggio di denaro . Deutsche Bank ha rilasciato una dichiarazione in cui conferma che "collaborerà strettamente con i pubblici ministeri".


Durante l'assemblea generale annuale di maggio 2019, l'amministratore delegato Christian Sewing ha dichiarato di aspettarsi un "diluvio di critiche" sulle prestazioni della banca e ha annunciato di essere pronto a fare "tagli duri"  dopo il fallimento delle trattative sulla fusione con Commerzbank AG e debole redditività. Secondo il New York Times , "le sue finanze e la sua strategia [sono] in disordine e il 95 percento del suo valore di mercato [è stato] cancellato".  I titoli delle notizie alla fine di giugno 2019 hanno affermato che la banca avrebbe tagliato 20.000 posti di lavoro, oltre il 20% del personale, in un piano di ristrutturazione. L'8 luglio 2019, la banca ha iniziato a tagliare 18.000 posti di lavoro, compresi interi team di operatori azionari in Europa, Stati Uniti e Asia. Il giorno precedente, Sewing aveva incolpato i predecessori senza nome che avevano creato una "cultura della scarsa allocazione del capitale" e inseguendo le entrate per motivi di entrate, secondo un rapporto del Financial Times , e aveva promesso che, andando avanti, la banca "avrebbe funzionato solo dove siamo competitivi ".

Cronologia della leadership


Quando la Deutsche Bank fu organizzata per la prima volta nel 1870, non vi era alcun CEO. Invece il consiglio era rappresentato da un oratore del consiglio. A partire dal febbraio 2012 la banca è stata guidata da due co-CEO e nel luglio 2015 ha annunciato che sarà guidata da un CEO dal 2016. [65] Gli organi di gestione sono l'assemblea generale annuale, il consiglio di vigilanza e il consiglio di amministrazione.Azionisti
Deutsche Bank è una delle principali società quotate nella storia tedesca del dopoguerra. Le sue azioni sono quotate alla Borsa di Francoforte e, dal 2001, anche alla Borsa di New York e sono incluse in vari indici, tra cui il DAX e l' Euro Stoxx 50 . Poiché la quota aveva perso valore dalla metà del 2015 e la capitalizzazione di mercato si era ridotta a circa 18 miliardi di EUR, si è temporaneamente ritirata dall'Euro Stoxx 50 l'8 agosto 2016. [71] Con una quota dello 0,73%, è attualmente la società con la ponderazione dell'indice più bassa.

Nel 2001, Deutsche Bank ha unito le sue attività bancarie ipotecarie con quelle di Dresdner Bank e Commerzbank per formare Eurohypo AG . Nel 2005, Deutsche Bank ha venduto la propria partecipazione nella società mista a Commerzbank.


Grandi azionisti al 28 giugno 2019
Condividere Azionista Come di
4,97% Roccia nera 2019
3,14% Douglas L. Braunstein (Hudson Executive Capital LP) 2018
3,05% Paramount Services Holdings Ltd. 2015
3,05% Supreme Universal Holdings Ltd. 2015
3.001% Stephen A. Feinberg ( Cerberus Capital Management ) 2017
0,19% Fondo dedicato alle situazioni speciali C-QUADRAT 2019
Divisioni commerciali
Il modello di business della banca si basa su tre pilastri: la Corporate & Investment Bank (CIB), la Private & Commercial Bank and Asset Management (DWS).


La Corporate & Investment Bank (CIB) è l'attività dei mercati dei capitali di Deutsche Bank. Il CIB comprende le sei unità seguenti. 



  • La Corporate Finance è responsabile della consulenza e delle fusioni e acquisizioni (M&A).
  • Azioni / reddito fisso e valute . Queste due unità sono responsabili delle vendite e della negoziazione di titoli.
  • Global Capital Markets (GCM) si concentra su soluzioni di finanziamento e gestione del rischio. Include le emissioni di debito e di capitale.
  • Global Transaction Banking (GTB) si rivolge a società e istituzioni finanziarie fornendo prodotti bancari commerciali tra cui pagamenti transfrontalieri, gestione della liquidità, servizi in titoli e finanza commerciale internazionale.
  • Deutsche Bank Research fornisce analisi di prodotti, mercati e strategie di trading.
  • Banca privata e commerciale
  • Clienti privati ​​e commerciali Germania / Internazionale è la banca al dettaglio di Deutsche Bank. In Germania, opera con due marchi: Deutsche Bank e Postbank. Inoltre, ha operazioni in Belgio, Italia, Spagna e India. Le aziende in Polonia e Portogallo sono in fase di vendita. 
  • Il Wealth Management funge da braccio del private banking della banca, al servizio di individui e famiglie di alto valore netto in tutto il mondo. La divisione è presente negli hotspot di private banking del mondo, tra cui Svizzera, Lussemburgo, Isole del Canale, Caymans e Dubai. 
  • Deutsche Asset Management (DWS)
  • Deutsche Bank detiene una quota di maggioranza nel gestore patrimoniale quotato DWS Group (precedentemente Deutsche Asset Management), che è stato separato dalla banca nel marzo 2018.


Nel 1972, la banca ha creato il famoso logo blu "Slash in a Square", progettato da Anton Stankowski e destinato a rappresentare la crescita in un quadro controllato dal rischio.

Controversie e Scandali


Deutsche Bank in generale e dipendenti specifici hanno spesso figurato in controversie e accuse di comportamento ingannevole o transazioni illegali. A partire dal 2016, la banca è stata coinvolta in circa 7.800 controversie legali e ha calcolato € 5,4 miliardi come riserve di contenzioso,  con ulteriori € 2,2 miliardi detenuti a fronte di altre passività potenziali.

Evasione fiscale


Sei ex dipendenti sono stati accusati di essere coinvolti in un importante accordo di frode fiscale con certificati di emissione di CO 2 e la maggior parte di essi è stata successivamente condannata. È stato stimato che la somma di denaro nello scandalo sull'evasione fiscale avrebbe potuto raggiungere gli 850 milioni di euro. La stessa Deutsche Bank non è stata condannata a causa dell'assenza di leggi sulla responsabilità aziendale in Germania. [82]

Scandalo spionaggio


A partire dal 2001 ad almeno il 2007, la banca si è impegnata nello spionaggio segreto sui suoi critici. La banca ha ammesso episodi di spionaggio nel 2001 e nel 2007 diretti dal suo dipartimento di sicurezza aziendale, sebbene li caratterizzasse come "isolati".  Secondo la prima pagina del Wall Street Journal , Deutsche Bank aveva preparato un elenco di nomi di 20 persone che desiderava indagare per le critiche della banca, tra cui Michael Bohndorf (un investitore attivista nella banca) e Leo Kirch (un ex dirigente dei media in contenzioso con la banca).  Anche lo studio legale di Monaco di Bub Gauweiler & Partner è stato preso di mira, che rappresenta Kirch. Secondo il Wall Street Journal, il dipartimento legale della banca è stato coinvolto nello schema insieme al suo dipartimento di sicurezza aziendale.  Da allora la banca ha assunto Cleary Gottlieb Steen e Hamilton , uno studio legale di New York, per indagare sugli incidenti per suo conto. La ditta Cleary ha concluso le sue indagini e presentato la sua relazione, che tuttavia non è stata resa pubblica. Secondo il Wall Street Journal, la società Cleary ha scoperto un piano in base al quale Deutsche Bank avrebbe dovuto infiltrarsi nella società Bub Gauweiler facendo assumere una " talpa " bancaria come stagista presso la società Bub Gauweiler. Il piano fu presumibilmente annullato dopo l'assunzione del tirocinante, ma prima che iniziasse a lavorare. [83] Secondo quanto riportato da Peter Gauweiler , preside dello studio legale mirato, "mi aspetto che le autorità competenti, compresi i pubblici ministeri e le agenzie di vigilanza della banca, conducano un'indagine completa".

Nel maggio 2009, Deutsche Bank ha informato il pubblico che il management esecutivo aveva saputo di possibili violazioni verificatesi negli anni passati in merito alle procedure interne o ai requisiti legali della banca in relazione alle attività che coinvolgono il dipartimento di sicurezza aziendale della banca. Deutsche Bank ha immediatamente trattenuto lo studio legale Cleary Gottlieb Steen & Hamilton a Francoforte per condurre un'indagine indipendente [84] e ha informato l' autorità federale di vigilanza finanziaria tedesca (BaFin) . I principali risultati dello studio legale, pubblicati nel luglio 2009 sono i seguenti: Sono stati identificati quattro incidenti che sollevano problemi legali come la protezione dei dati o problemi di privacy. In ogni caso, le attività sono nate da determinati mandati svolti da fornitori di servizi esterni per conto del dipartimento di sicurezza aziendale della Banca. Gli incidenti sono stati isolati e non è stato riscontrato alcun comportamento sistemico. E non vi è alcuna indicazione che gli attuali membri del consiglio di amministrazione siano stati coinvolti in attività che sollevano problemi legali o che erano a conoscenza di tali attività. [85] Ciò è stato confermato dalla Procura della Repubblica di Francoforte nell'ottobre 2009. [86]Deutsche Bank ha informato tutte le persone interessate dalle attività di cui sopra e ha espresso i suoi sinceri rimpianti. BaFin ha riscontrato carenze nelle operazioni all'interno dell'unità di sicurezza di Deutsche Bank in Germania, ma non ha riscontrato alcuna cattiva condotta sistemica da parte della banca. La banca ha avviato misure per rafforzare i controlli sul mandato dei fornitori di servizi esterni da parte del suo dipartimento di sicurezza aziendale e delle loro attività.


Aprile 2015 scandalo Libor


Il 23 aprile 2015, Deutsche Bank ha concordato una multa di 2,5 miliardi di dollari di ammende - una multa di $ 2,175 miliardi da parte dei regolatori americani e una sanzione di € 227 milioni da parte delle autorità britanniche - per il suo coinvolgimento nello scandalo Libor scoperto nel giugno 2012. Era una delle diverse banche descritte come colluse per fissare i tassi di interesse utilizzati per valutare centinaia di miliardi di dollari di prestiti e contratti in tutto il mondo, inclusi mutui e prestiti studenteschi.  Deutsche Bank si è anche dichiarata colpevole di frode, riconoscendo che almeno 29 dipendenti avevano intrapreso attività illegali. Sarà richiesto il licenziamento di tutti i dipendenti coinvolti nelle transazioni fraudolente. Tuttavia, nessun individuo sarà accusato di illeciti penali. Per prima cosa in un Libor, Deutsche Bank dovrà installare un monitor indipendente. [90] Commentando l'ammenda, la direttrice della British Conduct Authority, Georgina Philippou, ha dichiarato: "Questo caso si distingue per la gravità e la durata delle violazioni ... Una divisione della Deutsche Bank aveva una cultura di generare profitti senza tenere debitamente conto dell'integrità di il mercato. Questo non era limitato a pochi individui ma, su alcuni banchi, sembrava profondamente radicato. " [91] L'ammenda ha rappresentato un record per i casi relativi ai tassi di interesse, eclissando un'ammenda di Libor di $ 1,5 miliardi relativa a UBS e l'ammenda di $ 450 milioni registrata in quel momento valutata a Barclays precedentemente nel caso.  L'entità dell'ammenda rispecchiava l'ampiezza delle infrazioni commesse da Deutsche Bank, la scarsa supervisione degli operatori da parte della banca e la sua incapacità di agire quando ha scoperto segni di abuso internamente.

Ruolo nella crisi finanziaria 2007-2008


Nel gennaio 2017, Deutsche Bank ha concordato un accordo di $ 7,2 miliardi con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sulla sua vendita e messa in comune di titoli ipotecari tossici negli anni precedenti la crisi finanziaria del 2008 . Nell'ambito dell'accordo, Deutsche Bank doveva pagare una sanzione pecuniaria civile di $ 3,1 miliardi e fornire $ 4,1 miliardi in aiuti ai consumatori, come il perdono del prestito. Al momento dell'accordo, Deutsche Bank stava ancora affrontando le indagini sulla presunta manipolazione dei tassi di cambio, sulle negoziazioni sospette di azioni in Russia e sulle presunte violazioni delle sanzioni statunitensi contro l'Iran e altri paesi. Dal 2012, Deutsche Bank ha pagato oltre 12 miliardi di euro per contenziosi, compreso un accordo con i giganti statunitensi del credito ipotecarioFannie Mae e Freddie Mac . [92]

Violazioni delle sanzioni 2015


Il 5 novembre 2015, Deutsche Bank è stata condannata a pagare US $ 258 milioni (€ 237,2 milioni) in sanzioni imposte dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York e dalla Federal Reserve Bank degli Stati Uniti dopo che la banca è stata scoperta a intrattenere rapporti commerciali con la Birmania, la Libia, Il Sudan, l'Iran e la Siria che all'epoca erano soggetti alle sanzioni statunitensi . Secondo le autorità federali statunitensi, Deutsche Bank ha gestito 27.200 transazioni di compensazione in dollari per un valore di oltre 10,86 miliardi di dollari (9,98 miliardi di dollari) per aiutare a eludere le sanzioni statunitensi tra l'inizio del 1999 e il 2006, che sono state fatte per conto di iraniani, libici, siriani, birmani e le istituzioni finanziarie sudanesi e altre entità soggette alle sanzioni statunitensi, comprese le entità sui cittadini appositamente designatidal Office of Foreign Assets Control .

In risposta alle sanzioni, la banca pagherà 200 milioni di dollari (184 milioni di euro) al NYDFS mentre il resto (58 milioni di dollari; 53,3 milioni di euro) andrà alla Federal Reserve . Oltre al pagamento, la banca installerà un monitor indipendente, licenzierà sei dipendenti coinvolti nell'incidente e bandirà altri tre dipendenti da qualsiasi lavoro che coinvolga le operazioni con sede negli Stati Uniti. [95] La banca è ancora sotto inchiesta da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e del Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York su possibili violazioni delle sanzioni relative alla crisi ucraina 2014-2015 e alle sue attività in Russia.

Dakota Access Pipeline


Gli ambientalisti criticano Deutsche Bank per il cofinanziamento del controverso oleodotto Dakota Access , che è pianificato per correre vicino a una riserva indiana e viene visto come una minaccia al loro sostentamento dai suoi abitanti.

Deutsche Bank ha rilasciato una dichiarazione che affronta la critica ricevuta da vari gruppi ambientalisti.

2017 riciclaggio di denaro bene
Nel gennaio 2017, la banca è stata multata di $ 425 milioni dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York (DFS)  e £ 163 milioni dall'Autorità di condotta finanziaria del Regno Unito per accuse di riciclaggio di $ 10 miliardi dalla Russia.

Relazione con Donald Trump


Ulteriori informazioni: Cronologia delle indagini su Trump e Russia (2017) , Cronologia delle indagini su Trump e Russia (2019) e Ricchezza di Donald Trump
Deutsche Bank è ampiamente riconosciuta come il più grande creditore del Donald Trump , 45esimo presidente degli Stati Uniti, diventato il magnate del settore immobiliare , 45enne presidente degli Stati Uniti, con oltre 360 ​​milioni di dollari di prestiti in sospeso al candidato nei mesi precedenti alle elezioni del 2016 . A partire dal dicembre 2017 il ruolo di Deutsche Bank, e possibile rilevanza, Trump e partiti russi collaborando per eleggerlo è stato riferito, sotto inchiesta da Robert Mueller del FBI .  A partire da marzo 2019 , le relazioni di Deutsche Bank con Trump sarebbero state indagate anche da due comitati congressuali statunitensi e dal procuratore generale di New York.

Nell'aprile del 2019 House Democrats ha fatto causa alla Banca per i documenti personali e finanziari di Trump.  Il 29 aprile 2019, il presidente Donald Trump , i suoi figli Donald Jr. Trump , Eric Trump e Ivanka Trump ; e la sua attività ha citato in giudizio Deutsche Bank e Capital One Bank per impedire loro di consegnare documenti finanziari a comitati congressuali che hanno emesso citazioni per l'informazione.  Il 22 maggio 2019, il giudice Edgardo Ramos del Tribunale distrettuale federale di Manhattanha respinto la causa di Trump contro Deutsche Bank, dichiarando che la banca deve conformarsi alle citazioni del congresso. [114] Sei giorni dopo, Ramos ha concesso agli avvocati di Trump la loro richiesta di soggiorno in modo da poter perseguire un ricorso accelerato attraverso i tribunali.

Il New York Times ha riportato maggio 2019 che gli specialisti antiriciclaggio in banca rilevati quello che sembrava essere operazioni sospette che coinvolgono soggetti controllati da Trump e suo figlio-in-law Jared Kushner , per i quali hanno consigliato il deposito comunicazioni di sospetto con la Finanziaria Rete per l' applicazione dei reati del dipartimento del tesoro , ma i dirigenti delle banche hanno respinto le raccomandazioni. Uno specialista ha notato il trasferimento di denaro dalle società Kushner a persone russe e lo ha segnalato in parte a causa del precedente coinvolgimento della banca in un programma di riciclaggio di denaro russo.

Relazione con Jeffrey Epstein


Deutsche Bank ha prestato denaro e scambiato valute per il noto molestatore sessuale Jeffrey Epstein fino a maggio 2019, molto dopo il fatto colpevole di Epstein del 2008 in Florida di sollecitare la prostituzione da ragazze minorenni, secondo i rapporti di notizie.  Epstein e le sue imprese avevano dozzine di conti attraverso la divisione private banking. Secondo il New York Times, i dirigenti di Deutsche Bank hanno annullato gli ufficiali di conformità che hanno sollevato preoccupazioni sulla reputazione di Epstein .

La banca ha scoperto transazioni sospette in cui Epstein ha trasferito denaro dagli Stati Uniti, ha riferito il Times .

Accuse penali in Australia


Il 1 ° giugno 2018, la Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori (ACCC) ha annunciato che il Commonwealth Director of Public Prosecutions (CDPP) avrebbe dovuto accusare il cartello penale contro ANZ Bank , il suo tesoriere del gruppo Rick Moscati, insieme a Deutsche Bank, Citigroup e un certo numero di individui.

Presunto coinvolgimento nello scandalo del riciclaggio di denaro di Danske Bank
Il 19 novembre 2018, un informatore su presunte attività di riciclaggio di denaro intraprese da Danske Bank ha dichiarato che una grande banca europea era coinvolta nell'aiutare Danske a elaborare $ 150 miliardi di fondi sospetti. Anche se l'informatore, Howard Wilkinson, non ha nominato direttamente Deutsche Bank, un'altra fonte interna ha affermato che l'istituto in questione era l'unità statunitense di Deutsche Bank.

Gestione impropria delle indagini sugli ADR


Il 20 luglio 2018, Deutsche Bank ha accettato di pagare quasi $ 75 milioni per liquidare le spese di gestione impropria delle ricevute di deposito americane "pre-liberate" (ADR) sotto inchiesta della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti . Deutsche Bank non ha ammesso o smentito i risultati dell'indagine, ma ha accettato di pagare un disgorge di oltre 44,4 milioni di dollari in guadagni illeciti più 6,6 milioni di dollari in interessi di pregiudizio e una sanzione di 22,2 milioni di dollari.

Fondo 1MDB della Malesia


I pubblici ministeri statunitensi stanno indagando sul ruolo di Deutsche Bank in uno scandalo di frode multimiliardaria che coinvolge il 1Malaysia Development Berhad o 1MDB, secondo le notizie riportate a luglio 2019.  Deutsche Bank ha contribuito a raccogliere $ 1,2 miliardi per il 1MDB nel 2014.
Ubicazione: Germania

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.