Brexit: Ultime Novità

Johnson vuole elezioni anticipate, ma la Brexit ritarda a diventare legge


LONDRA (Reuters) - Il primo ministro britannico Boris Johnson proverà per la seconda volta lunedì a convocare elezioni anticipate, ma è destinato a essere nuovamente vanificato dai legislatori dell'opposizione che vogliono assicurarsi di non poter portare la Gran Bretagna fuori dall'Unione europea senza un accordo di divorzio.

Senza una maggioranza in parlamento, determinata a prevenire ciò che molte aziende temono sarebbe un modo disastroso per lasciare l'UE, Johnson vuole tenere un'elezione per mantenere la sua promessa di partire entro il 31 ottobre, con o senza un accordo.

Lunedì, un disegno di legge dovrebbe diventare legge che lo costringerebbe a chiedere una proroga di tre mesi a tale scadenza, a meno che il parlamento non abbia approvato un accordo o acconsentito entro il 19 ottobre a partire senza uno.

CORRELATE >>>  INFOGRAFICA DELLA BREXIT- 

Ciò ha spinto Johnson, che ha affermato che preferirebbe essere "morto in un fossato" piuttosto che richiedere tale estensione, di chiedere un'elezione il 15 ottobre.

Lunedì presenterà una mozione in parlamento per proporlo, ma richiederebbe il sostegno di due terzi dei legislatori - e i partiti dell'opposizione hanno affermato che non accetteranno le elezioni fino a quando non sarà esclusa un'uscita "senza accordo" .

Vuol dire che, tre anni dopo che la Gran Bretagna ha votato per lasciare l'UE, c'è una profonda incertezza su come il dilemma sulla Brexit metterà in pratica ciò che significherà per la quinta economia del mondo, la sua gente e la sua politica.

Brexit: Ultime Novità


Brexit: ultime novità


Johnson, in carica da meno di due mesi, ha sopportato un torrido sette giorni in cui ha perso la maggioranza in parlamento, espulso 21 ribelli dal suo partito conservatore e visto suo fratello lasciare il governo, diviso tra lealtà familiare e "interesse nazionale ”.

Sabato scorso, il suo ministro del lavoro e delle pensioni si è improvvisamente dimesso, dicendo che il governo stava concentrando dall'80 al 90% del suo lavoro su preparativi "no-deal" piuttosto che cercare un accordo di recesso con l'UE.

Nel frattempo due ministri hanno dichiarato domenica che Johnson non cercherà un ritardo in occasione di un vertice il mese prossimo - ma in particolare ha rifiutato di precisare come avrebbe comunque obbedito alla nuova legge se non fosse stato concordato un accordo con l'UE.

Johnson e altri ministri senior affermano che stanno presentando nuove proposte e che si stanno facendo progressi nei colloqui.

Il ministro delle finanze Sajid Javid ha dichiarato che Johnson sarebbe andato a un vertice dell'UE il 17 ottobre per cercare di ottenere l'accordo.

“Il primo ministro andrà alla riunione del Consiglio il 17 e 18 (ottobre), proverà a trovare un accordo. Non chiederà assolutamente un'estensione in quell'incontro ", ha detto Javid alla BBC.

Uno dei principali punti critici è stato il disaccordo sul "backstop" irlandese, una polizza assicurativa per impedire il ritorno di controlli visibili al confine tra la Repubblica irlandese e la provincia britannica dell'Irlanda del Nord.

Johnson va a Dublino lunedì per colloqui con il suo omologo irlandese Leo Varadkar, ma le aspettative sono basse.

"Non credo che l'incontro di domani sia un incontro di grande interesse in quanto non prevedo una grande svolta", ha detto Varadkar domenica. "Se arriviamo a un accordo, ciò accadrà molto probabilmente ad ottobre al vertice UE".

Il disegno di legge che richiede a Johnson di cercare un'estensione della Brexit dovrebbe diventare legge lunedì quando riceverà il consenso della regina Elisabetta, una mossa che Johnson avrebbe distrutto la strategia di negoziazione della Gran Bretagna eliminando la minaccia di un'uscita "senza accordo".

Il ministro degli Esteri Dominic Raab ha dichiarato che il governo "testerà al limite" ciò che la legge impone ai ministri di fare, e il Daily Telegraph ha riferito che il suo ufficio stava esplorando come avrebbe potuto sabotare qualsiasi richiesta di estensione chiarendo all'UE che lo aveva fatto non voglio un ritardo.

Il ministro delle finanze irlandese Paschal Donohoe ha dichiarato alla radio della BBC: “Penso che sarebbe ragionevole affermare che, dal nostro punto di vista, saremmo a favore di un'estensione che creerebbe lo spazio per concludere, si spera, dove siamo. Ma è una questione che richiede il pieno accordo in tutto il Consiglio europeo. "
Ubicazione: Londra, Regno Unito

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.