domenica 3 giugno 2018

Filled Under:

Migliori Prestiti Online 2019: il Crowdfunding

I crowdfunders generalmente rientrano in diverse categorie: equità, donazione, ricompensa e debito. L'ultimo è anche noto come microfinanziamento - e comunemente indicato in Europa come "prestito peer-to-peer". Ecco i primi 10 istituti di credito peer-to-peer emergenti e che fanno ondate finanziarie in Europa: 
1. Zopa - Questo mutuante P2P con sede a Londra offre prestiti fino a £ 15.000, con singoli mutuatari che trattano direttamente con istituti di credito. Zopa classifica i mutuatari in base al loro grado di credito, in modo che i prestatori possano offrire termini e importi in base alla categoria del mutuatario.

2. Tassi di puntata - Anche Ratesetter, con sede a Londra, è stato il primo a introdurre il concetto di "fondo di garanzia" nel prestito P2P. I mutuatari pagano una commissione di "tasso di credito" che viene utilizzata per diversificare il rischio rimborsando i finanziatori in caso di ritardato pagamento o inadempienza del pagamento.
3. Funding Circle - Una delle più grandi piattaforme di crowdfunding nel Regno Unito, Funding Circle ha prestato 90 milioni di sterline alle PMI dal suo lancio nell'agosto 2010. Il governo britannico, che già utilizza la piattaforma, presterà un totale di 20 milioni di sterline alle PMI attraverso esso. Le piccole imprese possono cercare prestiti che vanno da £ 5.000 a £ 1 milione da più crowdfunders.
4. Auxmoney - Con sede a Dusseldorf, in Germania, questo mercato del prestito peer-to-peer ha raccolto 12 milioni di dollari di finanziamento solo a marzo. Consente ai consumatori privati ​​di contrarre prestiti personali di importo compreso tra € 1.000 e € 20.000 da investitori privati. Oltre 10.000 progetti, collettivamente valutati in oltre 43 milioni di euro, sono stati finanziati attraverso la piattaforma.

Migliori Prestiti Online 2019: il Crowdfunding

5. isePankur (iBanker) - Il primo a consentire il prestito transfrontaliero (aperto agli investitori di tutti i paesi dell'UE), isePankur sta guardando un mercato paneuropeo, inclusa l'Europa centrale e orientale. A marzo, ha lanciato una struttura di mercato secondario per lo scambio di prestiti P2P. È un pioniere del prestito sociale in Estonia e della più antica piattaforma di prestito peer-to-peer in Scandinavia.
6. Pret d'Union - Con sede a Moulineaux, nel nord della Francia, questo prestatore principale del P2P consente a privati ​​e investitori istituzionali di prestare denaro ai mutuatari direttamente attraverso un mercato obbligazionario garantito. Ha ricevuto $ 5,22 milioni nel finanziamento della serie B nel 2011, e poi $ 4,18 milioni nel finanziamento della serie C nel 2012.
7. ThinCats - A partire da aprile 2013, questo prestatore di P2P nel Regno Unito ha un capitale totale di 21,8 milioni di sterline depositato da 1.522 membri di prestito. Ha fornito 111 prestiti per un totale di £ 20,38 milioni da gennaio 2011, con i suoi istituti di credito che guadagnano un tasso di interesse netto medio del 10,84%.
8. Smartika - Con sede a Milano e precedentemente nota come Zopa Italia, Smartika fornisce credito P2P dal 2007. Prestatori e mutuatari ricevono tassi inferiori del 25% rispetto a prestiti finanziati attraverso canali bancari tradizionali e gli istituti di credito godono del 6,5% di interessi annuali al netto delle accuse.
9. Comunitae - Questo importante mercato P2P in Spagna ha sede a Madrid. Ha ricevuto due round di finanziamento, per un totale di $ 4,8 milioni, dal suo lancio nel 2009. La sua comunità di finanziatori ha finanziato prestiti per 2.181.025 euro e ha ricevuto interessi per 206.601,25 euro.
10. Funding Knight - Questa piattaforma di crowdfunding peer-to-peer con sede nel Regno Unito elimina completamente la necessità di sistemi bancari e agenzie finanziarie, consentendo ai mutuatari e ai mutuanti di effettuare transazioni direttamente. FundingKnight ha un minimo di iscrizione di £ 500 e può prestare fino a £ 100.000 alle piccole imprese che intendono espandersi.
Mentre gli Stati Uniti attualmente guidano il mondo in volume di transazioni di crowdfunding (stimato dal Crowdfunding Industry Report del 2013 per quest'anno al 72%), una fetta considerevole arriverà dall'Europa, al 26%, e al 2% dal resto del mondo.

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.